Nuova recensione per N.F.

08/07/2015

testata

Fioccano le recensioni della nuova edizione di Nessun Futuro. Stavolta è il turno del blog letterario My Secret Diary, che ospita una disamina così generosa da far arrossire l’autore del libro… Grazie di cuore all’autrice del pezzo, la scatenatissima Anna., lettrice dall’animo indiscutibilmente rock!

La recensione


Addio a Luca Rastello

07/07/2015

Ieri sera è deceduto Luca Rastello, scrittore, giornalista ma soprattutto uomo di grande coraggio e valore. Ne parlo qui.


Peccati di penna segnala Nessun Futuro

03/07/2015

banner pdp estate 2015 blogger 2

Sfidando la calura opprimente, Peccati di penna – blog letterario che peraltro vale davvero la pena di visitare, anzi frequentare, vista la ricchezza dei contenuti –  segnala il romanzo Nessun Futuro. E l’autore accaldato non può che ringraziare l’audace e gentilissima blogger Ornella (creativa a 360°, leggere la sua biografia sul sito per credere), offrendole un gelato virtuale e un rinfrescante ringraziamento!


Prime recensioni…

01/07/2015

11222840_975691419154130_1874043061076381470_o

Una prima recensione della nuova edizione (in eBook, mi piace ricordarlo) di Nessun Futuro. È apparsa sul blog Chiacchiere Letterarie, che naturalmente ringrazio per l’attenzione (e complimenti per la tempestività!).


N.F. su Letteratura Horror

30/06/2015

logo

Letteratura Horror – sito di riferimento per gli amanti del genere – ha tempestivamente pubblicato una ricca segnalazione di Nessun Futuro. Grazie di cuore ai redattori, sempre attenti e preparati!


Vesuvio breakout, il sorprendente esordio di Giorgio Riccardi

30/06/2015

Vesuviobreakout_

In barba alla crisi dilagante – economica, ma spesso anche di idee, non dimentichiamolo – che affligge il panorama letterario di casa nostra, Vi segnalo un esordio letterario importante. Si tratta di Vesuvio Breakout, avvincente e spiazzante – l’ambientazione vi sorprenderà, credetemi! – opera prima di Giorgio Riccardi, responsabile e deus ex machina del portale letteraturahorror.it, primo sito italiano dedicato esclusivamente alla letteratura di genere (ma non solo). Il libro, che consta di 284 pagine, è disponibile in duplice formato, cartaceo e digitale.

La trama in breve

L’esplosione del Vesuvio ha devastato le zone circostanti, isolando la Campania dal resto della penisola. Come se non bastasse, il sottosuolo ha liberato effluvi che agiscono sui morti, facendoli tornare in vita. I nuovi esseri sono famelici e al di là di ogni guarigione. Un gruppo di sopravvissuti si rifugia all’interno del cinema situato nel centro commerciale di Casoria, l’unico riparo sicuro in un mondo ormai in rovina. Fughe, attacchi di morti viventi e insidie di altri sopravvissuti saranno descritti attraverso le pagine del diario del protagonista. Le sue riflessioni fanno da cornice a un universo devastato, dove la salvezza sembra essere sempre più un miraggio.

Titolo: Vesuvio Breakout
Autore: Giorgio Riccardi
Genere: Horror
Pagine: 284
Prezzo: 2,99 ebook 9,90 cartaceo
Data di Uscita: 15/06/2015 ebook 15/07/2015 in cartaceo
Link di acquisto: http://goo.gl/Ak4DYI


Nessun Futuro, finalmente l’eBook!

29/06/2015

NessunFuturoCOVERkindle

Erano anni, praticamente dal giorno della prima uscita in cartaceo, che i lettori reclamavano a gran voce la versione in eBook di Nessun Futuro, romanzo cult per chi ama il rock, il mistero e il sovrannaturale. Ora finalmente ci siamo. È infatti disponibile da qualche giorno l’edizione digitale, per l’occasione riveduta e corretta – edita da Dunwich Edizioni – del libro.

La trama in breve:

La vicenda si svolge verso la fine del 2001 – un anno spartiacque per la storia dell’umanità, basti pensare alla tragedia delle Torri Gemelle, evento richiamato anche nel libro – ma è popolata da storie e personaggi, tutti rigorosamente rock, provenienti da varie epoche: dall’indimenticabile Jim Morrison ai Beatles, ai Rolling Stones. Non manca neanche qualche illustre cameo: un nome per tutti, il Duca Bianco, David Bowie.

C’è chi ha letto in Nessun Futuro una sorta di riscrittura della vita, troppo breve e tormentata, di Kurt Cobain: chi può dirlo? L’autore sembra essersi divertito a mescolare reale e fittizio in un continuo alternarsi di luci e ombre. Del resto la vita stessa a volte può rivelarsi un gioco di specchi, dunque perché stupirsi? Lasciamo allora cadere il muro dell’incredulità e abbandoniamoci all’adrenalinico assolo di uno dei pochi “scrittori rock” del nostro Paese.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.095 follower