L’ira della Medusa su Horror Magazine

Horror Magazine

Horror Magazine nei giorni scorsi ha segnalato l’uscita de L’ira della Medusa, racconto lungo di stampo horror/SF ambientato in una Napoli “da dopobomba”, tra echi del grande Lovecraft e orrori metropolitani molto concreti e purtroppo di grande attualità.

L’autore naturalmente ringrazia per l’attenzione!

Annunci

L’ira della Medusa

copertina_hi_res

Consentitemi una rapida segnalazione autoreferenziale:  è uscito per i tipi di Delos Digital L’ira della Medusa, racconto lungo tra horror e fantascienza ambientato in una Napoli apocalittica. Questa la trama in breve:

Anche gli dei possono morire…

In una Napoli assediata dai rifiuti, Livio, malandato giornalista, rischia la vita alle prese con antichi riti di stampo dionisiaco e sacrifici umani. Una donna sfuggente e pericolosa sembra aiutarlo, ma l’orrore è in agguato: il destino della razza umana è forse segnato?

Il racconto (una settantina di pagine, tranquilli: volendo, lo si può leggere anche nei classici, noiosi tragitti in metro o in treno) è disponibile sulle principali piattaforme digitali.

Qui potete trovare tutte le info al riguardo:

 https://delos.digital/9788825408065

Esce Romolo – Il primo re, di Franco Forte e Guido Anselmi

Cover-ROMOLO-piatto-definitiva-740x896

Con straordinario tempismo, mentre esce in sala il film di Matteo Rovere Il primo re, è approdato in libreria per i tipi di Mondadori Romolo – Il primo re, romanzo storico di Franco Forte e Guido Anselmi.

Il libro scaturisce da un progetto risalente a diversi anni fa e non è legato al film, ma entrambi descrivono un periodo storico affascinante e interessantissimo: le origini della civiltà romana. E lo fanno senza cadere nel didascalico o nell’epica stucchevole di certe rappresentazioni del passato, film mitologici compresi.

Ricordo che Franco Forte, direttore responsabile della prestigiosa rivista Robot, ha pubblicato parecchi romanzi ambientati nell’antica Roma. Dal canto suo, Guido Anselmi è autore di vari racconti per Delos Books e Delos Digital.

Questa la scheda del libro:

In una terra selvaggia e primordiale, ammantata di storia e superstizione, un vomere traccia il solco di una città: nessuno immagina che è appena nata Roma, la Città Eterna. La storia dietro quell’attimo fatale è però molto diversa dalla leggenda che tutti conosciamo, perché avviene in un tempo di fame, freddo e carestie, dove la sopravvivenza è spesso sinonimo di sopraffazione. E la lupa non è affatto quella che i miti ci hanno tramandato. Perché la fondazione di Roma è un’avventura cruda e disperata, un’epopea di resilienza, un solco di sangue tracciato nel nostro passato che racconta la sfida primordiale fra due gemelli consacrati dagli dèi, e il suo doloroso esito, che ne ha proclamato il vincitore: Romolo, il bambino sopravvissuto alla morte, il ragazzo che ha combattuto nel fango e nel dolore, l’uomo che per realizzare il suo sogno ha piegato un mondo ostile, brutale e dominato dalla violenza, dando così inizio alla più gloriosa potenza antica che la Storia ricordi. Romolo, il primo re.

Romolo – Il primo re
di Franco Forte e Guido Anselmi
Omnibus Mondadori
364 pagine – 19 euro

50 anni fa, i Beatles live sul tetto

 

Cinquant’anni fa esatti, il 30 gennaio 1969, la mitica band dei Beatles, special guest il grande tastierista Billy Preston, improvvisò un breve, indimenticabile concerto sul tetto dell’edificio che ospitava gli uffici della Apple Corps (da non confondere con la Apple di Steve Jobs, ancora di là da venire), al n° 3 di Savile Row.

I quattro baronetti non si esibivano dal vivo da diversi anni e l’evento dunque, ancorché inatteso, si rivelò ancora più memorabile anche per questo motivo. Non solo: secondo alcuni, l’esibizione sarebbe stata fortemente voluta dai Fab Four per sfatare una volta per tutte l’assurda leggenda metropolitana della morte di Paul McCartney. Ma si sa, le rockstar non muoiono mai davvero (lo so bene, per aver inopinatamente dedicato più di un libro all’affascinante argomento)…

Nel corso degli anni poi diversi altri artisti hanno imitato il gesto, primi tra tutti gli U2 nel marzo del 1987, ma con ben altri risultati, lasciatemelo dire.