Salman Rushdie Figlio della Mezzanotte

Salman Rushdie

Salman Rushdie

Salman Rushdie, vincitore del “Best of the Booker”, rievoca così il suo esordio letterario. dopo un decennio di false partenze:

“Un giorno, era il 1976 – non sono più nemmeno sicuro della data – un giovane scrittore sconosciuto, alle prese con una storia immensa e intrattabile, decise di ricominciare daccapo, stavolta ricorrendo alla narrazione in prima persona. Quel giorno affidai alla pagina gran parte dell’ esordio de I figli della mezzanotte. «Sono nato nella città di Bombay… tanto tempo fa». «Le lancette dell’ orologio congiunsero le mani in un saluto rispettoso mentre venivo al mondo». «Ammanettato alla storia».
Provo ancora oggi quella sensazione elettrizzante che si impossessò di me quando sentii la voce di Saleem Sinai, e capii che era la mia voce. Ripensandoci, quel giorno marcò l’ inizio della mia identità di scrittore, dopo un decennio di partenze sbagliate. «La mia nascita fu scandita dagli orologi e macchiata dai delitti. […]»

Annunci

2 pensieri su “Salman Rushdie Figlio della Mezzanotte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...