Jonathan Franzen e la tecnologia

Jonathan franzen

Jonathan franzen

Jonathan Franzen descrive il suo rapporto con la tecnologia: un’interazione complessa, fatta di amore (poco amore, a dire il vero) e odio (o quanto meno insofferenza).

La sua è una sorta di lunga lamentazione, ma ne consiglio la lettura, anche perché gli scrittori raramente si occupano di tecnologia, a parte qualche rara, luminosa, eccezione

Annunci

7 pensieri su “Jonathan Franzen e la tecnologia

  1. Caro Luigi,

    non credo ci sia in fondo un odio della tecnologia da parte di Franzen.
    E’ che fondamentalmente l’intellettuale vorrebbe fare delle scelte,
    prendere dalle nuove opportunità quello che gli serve per i suoi
    scopi, e non essere obbligato ed in certo senso soverchiato
    dalla tecnologia.
    E l’esempio di WordPerfect è calzante: funzionava benissimo
    e i file erano piccolissimi (certo non potevi inserire figure
    nel testo, e così via). Però una delle “colpe” storiche degli informatici
    che lavorano con DOS/Windows è di non chiedere mai (incominciano solo adesso con OpenOffice) agli utenti che cosa pensano dei loro prodotti,
    e che cosa servirebbe loro in realtà.
    Il prodotto che va bene per tutti è un’utopia, né ci si può sobbarcare infinite
    funzioni che non si useranno mai, ma il compromesso è difficile da raggiungere.
    Ho lavorato per oltre 10 anni su un 486, e per certi versi ancora lo rimpiango…
    (non capita anche a quelli che avevano la 500 o la 600?).

    Ciao

    Carlo

  2. Ah, Carlo, guarda: pur essendo abbastanza appassionato di tecnologia – se no, non ne scriverei da quando avevo molti più capelli in testa – capisco benissimo il tuo discorso. Come diceva anni fa Nicholas Negroponte nel suo profetico Being Digital, nell’informatica di consumo (e già questa definizione puzza di bruciato, non è vero?), finiamo per utilizzare computer sempre più potenti che – paradosso supremo – vanno sempre più piano. Perchè? Perchè i software, sempre più ridoondanti di funzioni, spesso inutili, sono sempre più avidi di risorse, specie sotto Win… slows e tutti i suoi derivati….

    Ma anche a voler comportarsi da virtuosi, è innegabile che dopo 2, massimo 3 anni, spesso ci si ritrova con un computer magari ancora utilizzabile per un uso basilare – videoscrittura, etc. – ma suo malgrado obsoleto per accedere ai nuovi e sempre più pesanti servizi legati a Internet…

    Insomma, la battaglia contro il consumismo tecnologico è ardua, non c’è dubbio. 😦

  3. Luì, il tuo MacBook vecchio di qualche mese tra due anni, magari con un adeguamento di RAM, sarà ancora in grado di mordere le chiappe a quelli venuti dopo.

    Io ci piazzo sopra un altro giga di RAM (il massimo supportato dal mio MB), lo uso qualche mese ancora e poi lo cedo alla Dolcissima, che sta facendo entrare il mio vecchio iBook nel suo quarto anno di vita, e che si terrà il MB ancora per qualche anno

    E quell’iBook lì finirà a mia madre, che di potenza di calcolo non ha bisogno, ma magari di leggersi le email e visitare i siti del suo figliolo, sì.

    L’obsolescenza dei Mac è decisamente inferiore. Anche per questo li paghi “tanto” all’inizio.
    MS

    PS: interessasse, io mi pappo un MB Pro… perché sono sborone! ^____^

  4. Beh no, Matteo, non era uno sproloquio, c’era una conclusione
    molto importante: che l’obsolescenza dei Mac è minore.
    E minore obsolescenza, con buona pace dei nostri politici
    e dei loro incentivi, significa minor impatto ambientale.

    Ciao

    Carlo

  5. Franzen ha un dissidio umano e coerente. La tecnologia è importante ma deve essere mediata dalla sensibilità e dall’intelligenza dell’uomo e non dominare l’intelligenza e la sensibilità dell’uomo! Quest’ultima tendenza caratterizza la società che viviamo ed è per questo che potrebbe essere vissuta molto meglio. Arriverà il momento in cui valuteremo i danni sulla nostra pelle e quella delle future generazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...