Piero Sansonetti: Viva la Cgil

Piero Sansonetti commenta così, su Liberazione di oggi, la condotta della Cgil nella tormentata vicenda Alitalia:

“L’assenza di una forte opposizione è uno dei problemi più drammatici dell’Italia. Innanzitutto perché sbilancia il sistema democratico, introducendo, automaticamente, degli elementi di «regime». E poi perché rende debolissimii ceti deboli, quasi cancella gli interessi delle classi subalterne, li sacrifica sull’altare di quello che viene chiamato l’interesse generale e in realtà è l’interesse delle classi dirigenti. Non ci vuole molto per capire che le cose stanno così. La tragica sconfitta elettorale della sinistra, l’inconsistenza quasi paradossale del veltronismo, la totale assenza del dipietrismo sulle questioni di fondo (impegnato nel duello di tipo personale con il premier) sono le cause di questa emergenza. In questi giorni, con un certro sollievo, ci siamo accorti che nel quadro «perfetto» di assenza di opposizione (del tutto inedito nella storia della Repubblica) si è verificata una anomalia. Si chiama Cgil. […]”

segue

USA: Crollo di un’economia/5

WASHINGTON – Con una mossa senza precedenti, la Fed evita in extremis il fallimento di AIG, accordandole un finanziamento da 85 miliardi di dollari. Il piano di salvataggio, orchestrato ancora una volta da Banca centrale, Tesoro e appoggiato dal presidente George W.Bush, prevede inoltre che il colosso assicurativo passi sotto il controllo del Governo: una decisione storica visto che, a differenza di Fannie Mae e Freddie Mac, AIG non è neanche regolata dal governo federale.

(via Herald Tribune)

Barclays invece rileverà le attività nord americane di investment banking e capital market di Lehman Brothers. Lo annuncia Barclays in una nota, precisando che l’accordo raggiunto con Lehman prevede anche l’acquisto del quartier generale della banca d’affari a New York. «La proposta acquisizione delle attività nord americane di investment banking e capital market di Lehman Brothers accelera l’esecuzione della nostra strategia di diversificazione geografica e di attività», commenta l’amministratore delegato del gruppo Barclays, John Varley.

(via Messaggero)

Addio a Richard Wright

Due anni dopo la morte di Syd Barrett, è scomparso Richard Wright, uno dei padri del Rock psichedelico e progressive, forse il membro più schivo dei mitici Pink Floyd. Le sue tastiere costituivano l’ideale tappeto sonoro per le complesse costruzioni musicali di David Gilmour e Roger Waters. The Division Bell, ultimo album in studio dei Pink Floyd, è un disco indissolubilmente legato all’arte di Wright, che compose vari brani per l’album.

Ci mancherai, Rick.

Vision Beneath Light

Sono lieto e orgoglioso di pubblicare su questo blog l’interessante e, com’è costume del professor Tom Sherman, provocatorio saggio sul futuro dell’arte. Ringrazio Tom per avermi concesso di proporre il suo scritto agli amici di FP.

VISION BENEATH LIGHT

by Tom Sherman

In 1995 I began writing a text called “Thoughts from the Antechamber” (on the future of art). It was a controversial, polarizing text among private readers and was eventually rejected by a couple of hard copy magazines for its politically incorrect observations and for a series of other perhaps unavoidable misunderstandings. Its only public exposure came when it was adopted as a “curatorial statement” for a show, Temple of the Third Millennium, organized by Graham Crawford for Urban Exile in Sydney, Australia, and was published on their now defunct web-site in January 1996. I begin the substance of this muse by quoting from the last endnote of this earlier text:

Continua a leggere “Vision Beneath Light”