Buon Halloween, Professore!

Halloween_2013

Quale modo migliore per attendere la notte di Halloween se non leggersi qualche gustoso e terrificante racconto in tema? Potremmo leggere ad esempio Buon Halloween, Professore! pubblicato oggi on line sul blog-magazine Graphomania

Advertisements

Eventi Bizzarri: segnalazioni e recensioni

eventi bizzarri

Diverse le segnalazioni e recensioni dedicate in questo periodo al romanzo Eventi BizzarriIl rumore dei libriLa Fenice Book, Letteratura Horror e, da ultimo ma non per questo meno gradito, Literaid. Grazie per l’attenzione e la generosità con cui state accogliendo questa nuova fatica – si fa per dire – letteraria, la prima compiuta assieme alla scatenata e talentuosa Alexia Bianchini.

Nico, di Alex VI

Nico cover

La casa editrice ZERO91 ha di recente pubblicato Nico, romanzo a tinte forti – molto forti – di Alex VI. È un libro duro e schietto, che colpisce allo stomaco prima ancora che al cervello. In questo senso assomiglia un po’ all’autore, o meglio a una certa visione della vita che lo contraddistingue, nel bene e nel male. Alex VI è per certi versi anch’egli un “misfit”, un ribelle, uomo dai tanti mestieri, e questa sua condizione si riflette spesso in ciò che scrive.

Questa la trama di Nico:

Alex è un trentenne di città, annoiato, disincantato, distaccato.
Fa l’autista in modo serio e meticoloso. La sua vita è abitudine, uno spazio ristretto in cui agire, nella vita privata e in quella di tutti i giorni.
Tutto questo però è destinato a cambiare, quando la sua strada s’incrocia con quella di Nico, un personaggio a metà fra un gitano a capo di una banda di scapestrati che vive di espedienti in un luogo sperduto di provincia e un James Dean dedito alle corse clandestine di auto. Corse in cui ogni volta c’è il rischio di fracassarsi contro un muro. Alex viene risucchiato dal vortice Nico, un turbine di sozzume ed esperienze al limite tra sangue, fango, polvere e motori di muscle car pronti a ruggire.
Sarà una vera e propria iniziazione alla clandestinità, a un’esistenza parallela, lontana dal benessere e dalle comodità di un condizionatore e di un’utilitaria con cui ripetere sempre la stessa strada. Una sfida all’ultimo metro in cui, come nelle migliori tradizioni, il ragazzo non solo dovrà dimostrare al suo rivale di essere pronto e capace di affrontare i limiti della sua vita ordinaria per tornare indietro da non morto ma potrà anche dimostrare a se stesso di saper superare il suo involontario maestro.

Il link diretto alla pagina del libro sul sito dell’editore:

http://www.zero91.com/collane_menu/it_menu/13-libri/240-nico-alex-vi.html

Premio ShortKipple 2014

Premio Kipple 2014
Kipple Officina Libraria bandisce per l’anno 2013/4
la IV edizione del Premio Short-Kipple per i migliori racconti di fantascienza.
PREMIO SHORT-KIPPLE 2014
1) Sono ammesse solo le opere in lingua italiana inedite, mai pubblicate su carta, neppure parzialmente. I racconti devono avere la lunghezza minima di 5 cartelle dattiloscritte e massima di 20 cartelle (per cartella s’intende, all’incirca, una pagina da 60 battute di 30 righe, cioè 1800 caratteri spazi inclusi).
2) Il contenuto deve essere SOLO ed ESCLUSIVAMENTE fantastico.
I generi ammessi sono:
– fantascienza (hard science-fiction, post-cyberpunk, steampunk, bio-punk)
– narrativa di anticipazione
– neo-noir (thriller e new weird)
– horror
– urban fantasy
Testi di qualsiasi altra natura NON verranno presi in considerazione.
3) È possibile partecipare con più opere.
4) La quota di partecipazione è fissata in 5 € per ogni racconto, da accreditare entro il 1° gennaio 2014
sul conto corrente postale n° 43103274 con causale “Premio Short-Kipple 2014”
oppure tramite bonifico con le coordinate bancarie:
IBAN IT95W 07601 01600 000043103274 intestato a Gianluca Cremoni
con causale “Premio Short-Kipple 2014”
oppure tramite paypal: kol@kipple.it
5) La scadenza è fissata per il 1° gennaio 2014 (compreso).
6) I racconti devono essere spediti in allegato all’indirizzo: kol@kipple.it
indicando nel titolo dell’e-mail “Premio Short-Kipple 2014”.
Nel corpo della mail dovrà essere presente: il Titolo (o i titoli) dell’opera, l’Autore e la dicitura: “dichiaro che il progetto allegato non deriva da plagio e di essere in possesso di tutti i diritti ad esso connessi; ai sensi del d.lgs. 30 giugno 2003 n.196”, “acconsento al trattamento dei dati personali da me forniti”.
In allegato dovrà esserci il testo salvato come “titolo opera” di “nome autore” (con nome dell’autore, il titolo dell’opera e un indirizzo email sul frontespizio della prima pagina) e deve essere presentato SOLO in formato elettronico .doc, .rtf, .odt o .docx e, sempre in allegato, la ricevuta del pagamento.
7) Non si richiedono manoscritti e/o dattiloscritti (che comunque non pregiudicheranno la partecipazione).
8) Il vincitore del Premio avrà diritto alla pubblicazione del racconto sulla collana eBook “Capsule”, distribuita su tutti i portali on-line quali IBS, Mediaworld, Unilibro, LaFeltrinelli, Biblet, Bol, Bookrepublic, ecc. e su Amazon relativamente ai siti Usa, UK, Italia, Francia, Spagna, Germania, Canada, Brasile, India e Messico.
La Kipple si riserva di segnalare i racconti finalisti e, solo in caso in cui si ritengano meritevoli, di essere pubblicati sulla rivista cartacea NeXT, e/o pubblicati in un’antologia eBook sulla collana “eAvatar”.
Il vincitore riceverà un regolare contratto edioriale entro la primavera del 2014.
Riepilogo:
Lunghezza: min 5 max 20 cartelle
Scadenza: 1° gennaio 2014 (compreso)
Invio a: kol@kipple.it in formato .doc, .rtf, .odt o .docx.
Quota di partecipazione: 5 € ogni racconto

Esce La polvere del tempo, di Daniele Picciuti

La polvere del tempo

Che il genere fantascientifico sia vivo e vegeto non sono solo i soliti irriducibili appassionati ad affermarlo. Basti pensare al dilagare dei tanti film e telefilm SF sul grande e piccolo schermo. Ma anche la fantascienza “scritta” gode di buona salute, nonostante lo scarsissimo  risalto a questa concesso nelle librerie tradizionali. Accade sempre più spesso di trovare i pochi titoli SF disponibili – sempre i soliti peraltro, Isaac Asimov, P.K. Dick e A.C. Clarke d’antàn – mescolati alla meno peggio tra gli innumerevoli volumi del reparto Fantasy. Scelte miopi, che finiranno per allontanare definitivamente anche il lettore forte dalla libreria “fisica”.

Il discorso è complesso e foriero di infinite polemiche, tanto sterili quanto noiose. Chi si ostina a non volersi rendere conto dei grandi mutamenti in atto nell’intera filiera editoriale è destinato a soccombere. Ed è profondamente sbagliato considerare i due formati – quello tradizonale cartaceo e il digitale – in contrapposizione tra loro. Far muro contro muro conduce solo all’autodistruzione, come si è verificato in un campo affine, quello musicale. La scomparsa del supporto fisico – disco in vinile, musicassetta e cd – e il diffondersi del formato digitale, legato anche a tutta una nuova serie di device atti a riprodurlo, hanno determinato nel volgere di pochi anni, la fine dei negozi di dischi. È questa la paura che attanaglia le librerie, diciamocelo. Ma non è combattendo a testa bassa il digitale, né, peggio, affidandosi alle logiche puramente mercantili della grande distribuzione, che potranno sopravvivere. Sarà solo coniugando e armonizzando i vari formati che potranno continuare a svolgere la loro pur fondamentale funzione.

Sono soprattutto i piccoli e medi editori a credere nella narrativa di genere, e l’editoria digitale è in prima linea su questo fronte. Editori come Kipple Officina Libraria e La Mela Avvelenata, tanto per citare due case editrici tra le più attive, sfornano spesso interessanti novità.

Segnalo a tal proposito la pubblicazione della splendida novella La polvere del tempo di Daniele Picciuti, bravo autore di casa nostra in grado di destreggiarsi con disinvoltura tra l’horror, il noir e la fantascienza. La novella pubblicata da La Mela Avvelenata, che tra l’altro ho avuto il piacere di curare in veste di editor, appartiene appunto a tale genere, anche se, non a caso, lo stile adottato dall’autore è molto “nero”. E non potrebbe essere diversamente, vista la trama, che qui riporto:

Roma, in un ipotetico futuro. La razza umana, vittima di secoli di guerre chimiche e inquinamento indiscriminato, è rintanata nelle case, costretta a sopravvivere in un ambiente ostile popolato da creature fameliche chiamate Ibridi, vessata da un’autorità incapace di controllare una milizia che agisce nel solo proprio interesse, perpetrando soprusi e violenze sui più deboli. Sullo sfondo, una polvere cristallina che rende l’aria irrespirabile e da cui sembra impossibile difendersi. Lorenza, però, custodisce un segreto antico che potrà cambiare il destino dell’umanità. Questo è il suo viaggio. La sua disperata ricerca di un altro luogo dove ricominciare.

Mi auguro che questo testo, disponibile in ebook multiformato, incontri il successo che merita.

Il link diretto all’ebook: http://www.lamelavvelenata.com/product/la-polvere-del-tempo-daniele-picciuti/

Eventi Bizzarri segnalato su Letteratura Horror

Il sito Letteratura HORROR, vero e proprio punto di riferimento per i tanti amanti di questo genere di narrativa, si occupa oggi del romanzo Eventi Bizzarri. Lo fa con dovizia di particolari, spendendo belle parole sugli autori del libro, Alexia Bianchini e Luigi Milani.

Il link diretto all’articolo:

http://letteraturahorror.it/news/890-nuove-uscite-eventi-bizzarri-di-alexia-bianchini-e-luigi-milani.html

Un concorso per i lettori dallo sguardo affilato (update)

Eyes

Dunwich Edizioni inaugura una sua nuova collana con una bella iniziativa, lanciando un concorso per i lettori più attenti: Lo sguardo misterioso. Il vincitore avrà in regalo l’ebook del nuovo titolo in uscita qualche giorno prima della pubblicazione ufficiale.

Partecipare è facile, basta cliccare su questo link e commentare la foto, cercando di indovinare il nome del personaggio raffigurato nell’immagine di copertina. Il vincitore sarà estratto a sorte tra coloro che avranno dato la risposta esatta. I risultati saranno comunicati lunedì 21 ottobre.

Una breve citazione dal libro in questione, di prossima uscita:

Questa non è una storia di spettri o di apparizioni misteriose. Io sono vivo solo quando sono a contatto con la morte.

Ultim’ora: il concorso è stato vinto da una lettrice, Annabel Lovecraft, alla quale vanno i miei complimenti. Oltre, naturalmente, al meritatissimo premio, che le sarà inviato da Dunwich Edizioni. Intanto, in anteprima per i lettori del blog, la copertina completa di La Notte che uccisi Jim Morrison, novella che inaugura la nuova collana Morte a 666 giri.

La notte che uccisi Jim Morrison