Altrisogni.it recensisce Il demone di carta

img_0344

Nei giorni scorsi è apparsa sul sito della prestigiosa rivista letteraria Altrisogni una bella e acuta recensione, a firma Enza Sentito che qui… sentitamente (non ho resistito al calembour, spero che l’autrice del pezzo mi perdonerà) ringrazio, del racconto Il Demone di carta, di recente pubblicato in Ebook da Edizioni Graphe.it.

Ne riporto un breve estratto:

Lo stile di Luigi Milani è accattivante e misterioso e induce il lettore a leggere la storia tutta d’un fiato, poiché racconta, passo dopo passo, la discesa di un uomo disperato e preda della sua fissazione verso lidi sconosciuti e incomprensibili. La storia, pur essendo brevissima (circa 15 pagine), risulta scorrevole e coinvolgente, con un finale aperto che calza a pennello

Annunci

Roma perde la sua voce più bella, Lando Fiorini

lando-fiorini-bigliettiPeriodo davvero fosco per il mondo della musica, ma non solo. Ieri ci ha lasciato un altro grande personaggio, Lando Fiorini, cantore di una Roma che, ahinoi, non c’è più. Quella del sornione Aldo Fabrizi, della graffiante e indimenticabile Gabriella Ferri, degli stornelli e delle musiche immortali di Armando Trovajoli.

Una perdita, dicevo in apertura, non solo per la musica. Sì, perché Lando Fiorini è stato anche attore di teatro e cabaret, e volto televisivo celebre, soprattutto negli anni ’70 e ’80, in quei programmi di varietà lontani anni luce dalla greve e chiassosa beceraggine della tv di oggi.

All’estero si va giustamente fieri delle tradizioni popolari, folk, portate avanti con coraggio e ostinazione ad esempio da personaggi come Willie Nelson. Forse dovremmo cominciare a fare altrettanto anche nel nostro Paese. e valorizzare di più voci e volti ben più meritevoli di tanta paccottiglia usa e getta da streaming selvaggio.

Solo il mare intorno a Più Libri Più Liberi

plpl2017nuvola-e1512425378766È in corso la sedicesima edizione di Più libri più liberi.

Quest’anno, grande novità, lascia la sede storica del Palazzo dei Congressi dell’Eur per trasferirsi presso la famigerata Nuvola di Fuksas, per la precisone al  Roma Convention Center – La Nuvola, centro congressuale ideato da Massimiliano e Doriana Fuksas e gestito da Roma Convention Group.

L’evento è importante, dedicato com’è all’editoria medio piccola del nostro Paese, l’unica forse in grado di dar voce a quegli autori, nazionali e internazionali, che diversamente non avrebbero possibilità di farsi conoscere.

Solo il mare intorno coverGli eroici amici di Nero Press Edizioni partecipano anche quest’anno. Potete incontrarli allo STAND A44, assieme ad alcuni autori della tenebrosa scuderia Nero Press.

Troverete esposto, oltre ovviamente alla ricca schiera di titoli targati Nero Press – tutti di altissimo livello, come ad esempio Demoni di Alberto Buchi e Tim Curran, e Avvento di Debora Spatola –   il volume Solo il mare intorno, della diabolica ditta Arona – Marenzana – Milani.

Kipple presenta Numero Dieci, di Marco Milani

Vi segnalo un’uscita importante targata Kipple Officina Libraria, e non tanto per il cognome dell’autore del libro in questione, quanto per l’oggettiva qualità di Numero Dieci, romanzo di Marco Milani già finalista al Premio Kipple 2017.

Maggiori informazioni al riguardo nel post che segue.

KippleBlog

Kipple Officina Libraria presenta Numero Dieci, romanzo di Marco Milani finalista al Premio Kipple 2017. La pubblicazione è edita sia in formato digitale che in cartaceo; la copertina è a cura di BestDesigns.

Tutta la poetica di Milani si dispiega alle porte del sogno, e ci porta lontano su ali leggere ma solide. Siamo ai primordi della razza umana, quando si misurava imberbe con le ineffabili potenze energetiche del cosmo, che ancora impregnano la nostra vita impegnata e materialista: riuscirà il protagonista dell’infinito sogno a tirare le fila della sua stessa coscienza e del suo futuro?
L’autore non ha bisogno di presentazioni: la vittoria del Premio Kipple 2014, la sua militanza e cofondazione del Connettivismo e della rivista NeXT fin dal 2004, parlano per lui.

Sinossi

Marco Milani ci porta nel suo universo zen con la magia del sogno, mostrandoci le sottili connessioni che sfuggono alla nostra vigile…

View original post 715 altre parole

Addio, Johnny Hallyday

Johhny Halliday

Nella notte di mercoledì un altro grande personaggio ha lasciato questa nostra dimensione, Johnny Hallyday. Aveva 74 anni. Da tempo lottava con un cancro ai polmoni, ma non aveva rinunciato alla sua arte, alla sua vita da eterno ribelle.

Per chi come me è stato giovane nei primi anni ’70 la figura di Hallyday ha incarnato a perfezione il ruolo del bello maledetto, rocker dalla vita spericolata molto prima del Vasco nazionale.

Non solo. Come tutti sanno, Johnny Hallyday è stato anche eccellente attore. Mi piace ricordarlo tra l’altro ne L’uomo del treno, splendido film del 2003 diretto da Patrice Leconte.

Mi mancherà davvero, assieme alla, ahinoi, nutrita schiera di grandi artisti che hanno di recente abbandonato questo piano dell’esistenza.