Un’occasione imperdibile: la promo #scifisummer per gli acquisti su Kipple.it!

Un’occasione da non perdere per i tanti amanti del fantastico, la promozione #scifisummer varata da Kipple Officina Libraria! Nel post che segue troverete tutti i dettagli.

KippleBlog

È in arrivo la promozione #scifisummer per gli aficionados e non di Kipple.it! Da domani 24 giugno fino al 30 giugno, tutto ciò che è compreso nella categoria SciFi è in sconto al 50%, con un minimo di spesa di 15 euro.

Cosa c’è nell’offerta? Vi diamo alcuni titoli pescati a caso: i Premi Kipple Freakshow, Carnivori, Non ci sono dei oltre il tempo, Black Blade, Lithica e L’era della dissonanza, l’antologia di sesso quantico Orgasmi nel collettore quantico, la raccolta connettivista non di genere NeXT-Stream e tanti altri fantastici titoli.

Come si usufruisce della promo #scifisummer? Con un acquisto minimo di 15 euro, nel carrello inserite anche il coupon #scifisummer e procedete all’acquisto. Semplice, no?

Siete pronti, allora, a un’estate di letture supreme? Cominciate a movimentare le vostre vacanze, noi in questa calda estate 2018 abbiamo appena iniziato a sorprendervi!

View original post

Think different, Rai!

In questi giorni sulle reti di Mamma (o matrigna, fate voi) Rai impazza uno spot che invita a rinnovare l’abbonamento al servizio radiotelevisivo.
E fin qui nulla di anomalo, a parte l’anomalia “congenita” dell’obbligo di pagare il canone. Ma questo è un altro discorso e temo di scatenare una “flame war” che potrebbe infuriare per giorni, se non mesi…

C’è un altro aspetto che stona, in quel pur gradevole filmato: l’essere molto – direi troppo – simile al celeberrimo e pluripremiato spot Think Different di Apple, la cui voce narrante nella versione italiana apparteneva al Premio Nobel Dario Fo.

Qui di seguito riporto i due spot. Giudicate voi.

Apple Store Italia: ressa da Black Friday

Già dalle 23 di ieri sera lo store on line di Apple Italia era irraggiungibile. Il motivo? Il numero straordinario di accessi dei clienti interessati a usufruire degli sconti straordinari praticati dalla Casa di Cupertino per la giornata di oggi, il cosiddetto Black Friday. L’alternativa è recarsi presso un negozio Apple “fisico”: buona fortuna!

Come cantava tanti, ma tanti anni fa il grande Petrolini, “Ma cos’è questa crisi?”

Autori per il Giappone

Autori per il Giappone

Mentre l’Europa giustamente si preoccupa per la guerra in Libia – l’Italia in primis, vuoi per il suo passato coloniale, vuoi per la recente, imbarazzante “amicizia” del nostro Premier con il dittatore sotto scacco Gheddafi – la situazione in Giappone rimane grave. Dopo il terremoto e lo tsunami, la catastrofe nucleare di Fukushima ormai è una realtà.

Sulla scorta di quanto già avvenuto all’estero, anche da noi il mondo dell’arte si mobilita. L’iniziativa si deve alla scrittrice e blogger Lara Manni, che ha promosso una meritoria operazione, Autori per il Giappone: un blog che sta raccogliendo le opere di molti scrittori, professionisti (tra questi la regina del fantasy italiano, Licia Trosi) e non e di illustratori (un nome per tutti, Franco Brambilla, illustratore tra l’altro della collana s.f. Mondadori Urania)

Ci sono opere realizzate ad hoc – come ad esempio il breve racconto s.f. scritto dall’autore di questo blog – accanto a incipit di romanzi e testi di varia natura. Importante soprattutto è fare un’offerta a Save the Children, organizzazione attiva anche sul fronte degli aiuti al Giappone. Ogni donazione, di qualunque entità, sarà ben accetta.

Il marketing virale applicato ai libri: Il Testamento di Salvatore Siciliano

Segnalo l’interessante e audace operazione di marketing e comunicazione virale messa in atto da Fazi sul Web per promuovere un romanzo, Il Testamento di Salvatore Siciliano, di Salvatore Cobuzio.

Dal primo marzo, giorno d’avvio della campagna, ad oggi, 10 milioni di persone hanno visto su Facebook e negli altri social network l’immagine e il testamento di Salvatore Siciliano. Il sito www.salvatoresiciliano.com ha avuto 30.000 visualizzazioni dopo le prime 4 ore dalla pubblicazione del testamento.

Nel suo romanzo d’esordio Salvatore Cobuzio descrive chi è veramente Salvatore Siciliano, rivelando anche il messaggio contenuto nel suo testamento. Sul suo personaggio mille supposizioni sono state fatte: Siciliano è un pentito di mafia, un politico di sinistra manovrato da Beppe Grillo o Travaglio. C’è stato anche chi pensato a una strategia di lancio di un film.

Il booktrailer del libro.

La pubblicità postuma di Mike Bongiorno

Sì, è vero, la famiglia di Mike Bongiorno ha autorizzato, non senza suscitare aspre polemiche, compresa la stizzita presa di posizione di Fiorello, partner storico di Bongiorno negli spot tv degli ultimi anni, la messa in onda degli spot già girati dall’anziano conduttore, ma fa comunque una certa impressione guardare questi filmati pubblicitari che sembrano letteralmente giungere dall’aldilà… Stephen King non avrebbe saputo fare di meglio.

Raccolta pubblicitaria in TV: il De Profundis

Che la TV – e non solo quella generalista – sia uno zombi non è solo l’autore di questo blog a ripeterlo , ormai da molti anni, vedi ad esempio l’opinione di Nicholas Negroponte. Ora però il… decesso è stato ufficialmente certificato dalla crisi della raccolta pubblicitaria, vera e propria cartina di tornasole dell reale stato di salute (!) della televisione.

Scrive l’Unità:

Autunno nero per la pubblicità. Vanno in rosso i giornali, va in rosso la tv. E per le tv di Berlusconi, si sussurra, è profondo rosso. Conti alla mano: la Rai – se la crisi di spot perdura – secondo i calcoli della Sipra, la sua concessionaria, perderà almeno 40 milioni di euro.

Mediaset, che ormai vende spot a prezzi stracciati e ha anche problemi d’ascolto, rischia di rimetterci almeno il doppio di questa cifra. E così quella frase buttata là da Berlusconi venerdì scorso alla cena con gli industriali («Mi domando come facciate a dare pubblicità alla Rai, che trasmette programmi da cui si diffondono panico e sfiducia»), e mai smentita, non sembra tanto l’appello del politico contro la tv pubblica che non sta “in riga”, ma il disperato tentativo da imbonitore di rosicchiare qualche spot in più alla concorrenza.

Che la Rai se la passi male, in quanto a spot, lo ha detto persino il suo direttore generale, Claudio Cappon: «La raccolta pubblicitaria per gli ultimi mesi dell’anno ha subito una contrazione improvvisa, a doppia cifra».

La relazione dell’amministratore delegato Sipra, Maurizio Braccialarghe, parla chiaro: nell’ultimo trimestre la Rai ha subìto un vero e proprio tracollo pubblicitario rispetto al periodo luglio-settembre dello scorso anno, e le prospettive sono pessime.

L’Upa (associazione dei pubblicitari) stima un calo reale del 2,5% degli investimenti pubblicitari in televisione. E potrebbe persino rivelarsi una stima ottimistica, perché ancora non c’è nessuna avvisaglia di investimenti per il periodo natalizio.