Morto e mangiato… per fini benefici

Morto e mangiato coverÈ appena uscito Morto e mangiato, Storie di zombie per un fine benefico, di AA.VV. L’intero ricavato dalle vendite del libro viene devoluto a A.I.S.EA Onlus e AST Onlus.

L’antologia, curata e promossa da Chiara Poli e Paolo Franchini, è pubblicata in duplice edizione, cartacea e digitale multiformato.

Questo il link alla pagina del sito dedicato all’iniziativa, cui ha partecipato una numerosa pattuglia di generosi autori.

http://www.mortoemangiato.tk/

R.E.M. – 13 ore di paura: anteprima

In occasione della presentazione che si terrà oggi pomeriggio (con relativo sconto da usare), sarà presentata la prima antologia edita dalla casa editrice La Mela StregataR.E.M. – 13 ore di paura, curata da Alexia Bianchini e illustrata da Ignazio Piacenti.

La scheda dell’opera:

Titolo: R.E.M.

Autori: Daniela Barisone – Alexia Bianchini – Diego Collaveri – Mario De Martino – Pellegrino Dormiente – Connie Furnari – Anna Grieco – Matteo Mancini – Luigi Milani – Fiorella Rigoni – Gloria Rochel – Monique Scisci – Maurizio Vicedomini

ISBN: 978-88-98394-08-1

Collana: Antology, Horror

Genere: horror

Sinossi: R.E.M. raccoglie 13 racconti, 13 ore di terrore, che vi trascineranno nel delirio, attraverso una spirale di ossessioni, timori, fobie e incertezze. Cadrete vittime dell’incubo assistendo inermi alla follia di personaggi in bilico sul baratro.

La paura alimenta l’immaginazione.
Joseph Joubert, Pensieri, 1838

Nuovi titoli in eBook: Esce “Mistero”

Nicola Roserba cura, per Il Mondo Digitale Editore, Mistero, una raccolta di racconti, che hanno come terreno comune l’ignoto, l’arcano, l’alterità. È lui stesso a chiarire la natura e il senso del progetto:

La selezione che ho pensato di proporre qui contiene otto opere – di cui una, concedetemelo – mia, che reputo straordinarie per livello qualitativo, sia per quanto riguarda la storia narrata, sia, e forse soprattutto, per la qualità con cui viene narrata.
Sono storie che parlano di Mistero, appunto, non di orrore o terrore. Il loro scopo non è far paura, ma semmai solo di innervosire quel tanto che basta. Trovo che non sia necessario far sempre volare teste e altri pezzi del corpo per rendere interessante un racconto. Spero che questa raccolta ne sia la prova.
Ho raccontato di questo mio progetto, che proseguirà a settembre e poi oltre, fino a Natale e al 2011, a tante persone, riscontrando apprezzamento e approvazione, quando non un imbarazzante – in senso positivo – entusiasmo.
Sono contento di questo, perché non ho percepito perbenismo o condiscendenza. Erano tutti piacevolmente interessati al mio lavoro, e spero che il risultato non li deluderà. Altra ottima impressione mi ha fatto la facilità con cui ho trovato una firma importante per la prefazione – l’ottimo Luigi Milani – e che nessuno degli autori mai si sia interessato circa un possibile emolumento a loro favore. L’emolumento c’era eccome, invece, e questo testimonia la serietà della casa editrice.

L’opera è pensata espressamente per il nascente, ma già assai promettente, mercato digitale dell’eBook, ma è altresì disponibile anche in versione cartacea, per gli irruducibili papirofagi.