Addio a Pasquale Squitieri, regista scomodo

pasquale_squitieri

Un paio di giorni fa si è diffusa la triste notizia della scomparsa, all’età di 78 anni, di Pasquale Squitieri.

Regista e sceneggiatore tra i più importanti della scena cinematografica italiana, attivo fin dalla fine degli anni ’60, ha firmato film notevoli, a volte discussi. Ricordiamo tra tutti I Guappi, ClarettaIl Prefetto di ferro (quest’ultimo offre forse la migliore interpretazione del bravo ma spesso sottovalutato Giuliano Gemma, scomparso nel 2013).

Oltre alla carriera artistica, Squitieri si era dedicato anche alla politica, e forse proprio a causa di certe sue posizioni il regista non è stato a mio parere adeguatamente ricordato sui media tradizionali. Neanche un film è stato trasmesso, a quanto mi consta, sulle reti televisive nazionali, anche se c’è da dire che l’usanza di omaggiare la scomparsa di un grosso personaggio dello spettacolo sta cadendo in disuso.

Ed è un vero peccato: immemori del passato, rischiamo di minare anche il nostro futuro.

Advertisements

Quando Marlene Dietrich ipotizzò di uccidere Hitler

Marlene

È già disponibile in anteprima su Amazon, e a breve lo sarà anche presso tutte le altre librerie on line, il racconto Il sogno di Marlene. Il testo fa parte di un più ampio progetto, denominato Sine Tempore, in via di pubblicazione per i tipi de La Mela Avvelenata.

La trama in breve:

Cosa sarebbe accaduto se Marlene Dietrich, la grande diva del cinema, avesse ucciso Adolf Hitler? La sua azione avrebbe potuto impedire lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale? La storia prende le mosse dalle affermazioni fatte da Douglas Fairbanks JR, all’epoca amante della star, secondo cui la Dietrich avrebbe contemplato l’ipotesi di assassinare il fondatore del Terzo Reich. Ne dà notizia la scrittrice Charlotte Chandler nella biografia da lei dedicata alla celebre attrice, Marlene a personal biography.

Stephen Frears intervistato da D

Una cosa che non ha mai capito della gente?

Che ci sono persone interessanti e altre che non lo sono.

Come si immagina il paradiso?

Devo proprio?

Il vero lusso è?

La vita di un artista. L’immaginazione.

Cosa conta più dell’amore?

L’amore. Il resto sono cose stupide, anche la paure sono stupide, alla fine dei conti.

Il suo più grande fallimento?

La vita è un fallimento, sei lì e non fai che errori. Non puoi farci niente. Tranne fare nuovi errori, un po’ migliori di quelli precedenti.

Cosa è la perfetta felicità?

Non fare errori, o dimenticarli.

(via SeiDiModa)

Frank Miller – Matite su Hollywood

xii-cover-fmiller_vsergi-medium

Vi segnalo l’imminente uscita di un saggio di grande valore, dedicato a un nome cult del mondo dei comics e del cinema USA. Si tratta di Frank Miller – Matite su Hollywood, di Valentino Sergi (Edizioni XII)

È qui, nel roboante vuoto del film-concerto, del blockbuster sterile, del film muscolato, che intervengono gli autori come Miller: attraverso la trasformazione dei modi, il geniale recupero dei topoi e della misura, dei ritmi, ma con scandalosa, inedita energia, con forza e segno, grafismi e parole nuove.

(Dall’introduzione di Massimiliano Spanu).

E poi c’è il cinema, inesauribile fonte d’ispirazione. Miller firmerà gli script di Robocop 2 e Robocop 3, del cui risultato resterà talmente deluso da chiudere i ponti con Hollywood per anni, nonostante le sue opere continuino a essere saccheggiate per produrre film di qualità discutibile. Fino a Sin City almeno…

(Dal capitolo Premesse).

Durante: conversazione con Andrea De Carlo

marameo

Il cinema continua a interessarmi molto, ma in Italia mettere in piedi un film è un’operazione troppo condizionata da elementi detestabili. Qualche anno fa avevo sviluppato con due amici produttori un progetto di film da ‘Giro di vento’. Poi quando ho visto in faccia i membri della commissione ministeriale che avrebbe dovuto decidere i finanziamenti, ho capito che tutto sarebbe finito lì.

Non solo di cinema, ma soprattutto del suo ultimo libro, si è parlato con Andrea De Carlo, tornato in libreria nei mesi scorsi con il suo Durante.

Il testo completo dell’intervista su Gothic Network.

Salviamo il cinema indipendente: un appello

Ricevo e volentieri pubblico:

www.salviamobellaria.tk
www.salviamoanteprima.tk
www.fiatlvx.it/anteprima

Agli autori, i registi, gli attori, i tecnici, le maestranze, i produttori, agli spettatori, a tutti coloro credono nella tutela degli spazi

Dopo più di 20 anni di tradizione il riferimento italiano per il cinema indipendente, fonte di ispirazione e incontro, aperto a tutti i linguaggi cinematografici, possibilità per tutti gli esordienti filmmaker… CHIUDE A TUTTI I GENERI e ammette solo documentari….?!?!

Quello che chiediamo è semplicemente di ripristinare il vecchio regolamento e di continuare la tradizione di 25 anni: quella di OSSERVATORIO PER IL CINEMA INDIPENDENTE ITALIANO e POSSIBILITA’ PER TUTTI I NUOVI AUTORI;

Vi invitiamo a sostenere questa iniziativa firmando la petizione online che trovate nei siti segnalati sopra;

Nel dettaglio, chiediamo all’organizzazione del festival e al Comune di Bellaria IM che lo finanzia un ritorno allo storico bando (pre-2006) e dunque:
RIPRISTINO del Concorso Anteprima: aperto a tutti i generi/formati/durate.
RIPRISTINO del Concorso 150sec a tema fisso.
RIPRISTINO dell’ammissione dei film senza il vincolo dell’anteprima.
CHIEDIAMO inoltre a discrezione dell’amministrazione che speriamo agisca per il meglio, di costruire una direzione artistica o altresì affiancare all’attuale direttore altri co-direttori in modo da garantire una più ampia e corretta valutazione dei materiali filmici inviati;

Le firme verranno consegnate al comune di Bellaria Igea Marina il prossimo inverno sicché sia chiara la volontà di far ritornare il festival alla sua storica, corretta e utile forma;

Sostenete questa iniziativa / maggiori informazioni ai siti segnalati

Postate questo messaggio dove potete!!!  divulgate questa mail!!!  rimettete a posto le cose!!!!