Apple Store inaccessibile: cosa bolle in pentola?

I nuovi iMac? Nuovi MacBook entry level?

Stay tuned!

apple

Annunci

Applicando di luglio in edicola con la guida “Fotografia digitale”

joshua eustisa and his MacBook

joshua eustis and his MacBook

È in edicola dal 1° luglio, allegata alla rivista Applicando, la guida ‘Fotografia digitale’, un originale vademecum per utilizzare al meglio le fotocamere digitali e sfruttare fino in fondo le potenzialità di iPhoto, applicazione Apple dedicata alla fotografia, attraverso idee divertenti e suggerimenti utili.

Scritto in un linguaggio semplice e colloquiale dagli autori Mauro Baldacci e Andrea De Marco, il volume di 100 pagine a colori si propone come una vera e propria guida al magico mondo della fotografia digitale suddivisa per argomenti e filoni tematici che spaziano dalla scelta della fotocamera ai trucchi per scattare, dalla gestione dell’archivio fotografico alla correzione delle immagini con iPhoto, dalla condivisione degli album su Internet a come stampare o portare con sé le foto, su iPod e iPhone.

Il numero di luglio di Applicando con allegata la guida ‘Fotografia digitale’ è in edicola dal 1° luglio al prezzo di 9 euro (rivista + libro).

Ma Applicando di luglio riserva altre novità. Prende il via una nuova ricca sezione della rivista dedicata all’iPhone, considerato sì oggetto di grande appeal per il mercato consumer, ma soprattutto formidabile opportunità creativa e di business per gli sviluppatori Mac. La sezione ospita notizie, approfondimenti, test di applicazioni, accessori, trucchi, tutorial e giochi.

Vi segnalo inoltre la struggente (leggetela e capirete perché) intervista a un Mac user importante, Joshua Eustis dei Telefon Tel Aviv

Applicando n. 277 – giugno

Vi ricordo, true Mac believers, che rifulge tuttora nelle edicole del Bel Paese il numero di giugno di Applicando.

L’editoriale:

Protagonista del Focus di questo numero è il possente Mac desktop per utilizzi professionali, la workstation che combina stile e potenza, robustezza ed efficienza, espandibilità ed estrema eleganza, all’esterno come al suo interno. Nel Mac Pro, come abbiamo visto anche per i tre modelli consumer analizzati sul numero scorso, sembra non essere cambiato poi molto, limitandosi a guardarlo dall’esterno. All’interno ci sono però numerosi cambiamenti degni di nota, a partire dalla nuovissima architettura Intel adottata, nome in codice “Nehalem”. I processori di ultima generazione, la rinnovata architettura di sistema, il sottosistema grafico aggiornato rendono il Mac Pro ancora più performante.
Dopo l’analisi del Mac Pro, il Focus prosegue con una panoramica sulle novità del mercato della fotografia digitale presentate all’ultima edizione del Photoshow. A seguire, rimaniamo in ambito fotografico ma in un settore molto specialistico: quello della correzione colore. Ci spostiamo quindi sulla stampa, con un resoconto della visita a Grafitalia 2009, un viaggio nel mondo delle arti grafiche con un occhio di riguardo per il digitale. Sempre il Focus ospita poi un’esperienza d’utilizzo del Mac abbastanza atipica: vedremo come è possibile gestire uno studio dentistico con FileMaker e i computer della Mela; chiude la sezione il consueto appuntamento con i tips & tricks. Molta creatività nei Tutorial, con alcune novità di Illustrator CS4 messe in pratica e un esempio di integrazione tra Dreamweaver e Photoshop per la realizzazione e la manutenzione dei siti web. Con i due articoli successivi passiamo dal professionale all’intrattenimento e alla comunicazione: come eseguire sulla PlayStation 3 di Sony i file multimediali presenti sul Mac e come pubblicare online il proprio blog personale. Chiude la sezione la rubrica delle Tecnopillole, che questo mese ospita una panoramica di adattatori che consentono di realizzare un network locale appoggiandosi alla rete elettrica. Molto ricco il Logout di questo mese, con due giochi, Prince of Persia e Jade Empire, e due pagine dedicate ai giochi per iPhone. Nei Test, tra i tanti prodotti hardware e software in prova, segnaliamo la tavoletta grafica Wacom di nuova generazione, il programma di fotoritocco Portrait Porfessional e un interessante monitor BenQ.

Less is more

An Apple iMac and a typical desktop pc (a Dell)

An Apple iMac and a typical desktop pc (a Dell)

Alex Payne, API Lead di Twitter Inc., tesse l’elogio del minimalismo in campo hardware, con argomentazioni sulle quali riflettere attentamente.

Uno stralcio:

“[…] Simplicity in Hardware and in Software

Trust comes, in part, from simplicity. When something is simple, it’s possible to understand it in fullness. When you understand a thing, you can trust it. Simplicity and modern computing are at conceptual odds, however.

The hardware that composes the average desktop computer is enormously complex, and in itself contains elaborate software systems. Most hardware vendors don’t even aim for simplicity at a surface level. Apple hardware may have a minimalist patina, but it’s no less complex under the hood than, say, ugly, complicated-looking Dell hardware.

A step above hardware, operating system software is no less complex. Plan 9 was arguably the only desktop operating system to ever properly embody minimalist design principles, taking the UNIX philosophy of simple, reusable components even further and rallying around the filesystem metaphor to accomplish many goals. Windows Vista is the accumulation of millions of lines of code and two decades of legacy software support. Linux, as both a kernel and a distributed operating system, is a chaotic amalgam; just look at the GNU/Linux Distro Timeline or read about the history of the kernel. Mac OS X is an intricate fusion of UNIX-world and proprietary technologies; the leading text on the system’s internals is 1680 pages. […]