Hillary Segretario di Stato

obama-hillary

Come ricorderete, questo blog, durante l’interminabile gara delle Primarie del Partito Democratico USA, si era apertamente schierato a favore della candidatura di Hillary Clinton. Ebbene, con uno di quei colpi di scena che, volenti o nolenti, rispecchiano in pieno certe caratteristiche della migliore America, la ex first lady ha accettato l’offerta del neopresidente, come ha anticipato stasera il N.Y.T.:

Hillary Rodham Clinton has decided to give up her Senate seat and accept the position of secretary of state, making her the public face around the world for the administration of the man who beat her for the Democratic presidential nomination, two confidants said Friday.

(segue)

La Rete e l’Election Day

nominees_thumbRicordo a tutti i Falsi Percipienti che, ove volessero avere un quadro sulle Presidenziali USA meno scontato di quello offerto dai media tradizionali, Bernardo Parrella, figura storica della Rete, sta seguendo on site (nel vero senso della parola, dal momento che Bernardo è rigorosamente US-based) le Presidenziali.

Lo sta facendo però dalla prospettiva, credo più stimolante per noi, della Rete. Non ci resta allora che seguire i resoconti quotidiani che Bernardo andrà postando sul suo blog per l’intera settimana e oltre. Anche perchè, citando il suo blog:

“Quest’anno il portatile ha sostituito la televisione come device da avere per la notte elettorale… per i risultati in tempo reale sarà Internet la destinazione obbligata per tutti”

West Virginia: Hillary beats Obama

hillary

Hillary straccia Obama in West Virginia, anche se l’altro candidato dei Democratici mantiene un ricco vantaggio in termini di delegati. I motivi della vittoria della Clinton in West Virginia? Li esamina a fondo il New York Times:

Senator Hillary Rodham Clinton won a lopsided victory on Tuesday over Senator Barack Obama in the West Virginia primary, where racial considerations emerged as an unusually salient factor. Mrs. Clinton drew strong support from white, working-class voters, who have spurned Mr. Obama in recent contests.

(continua)