1971, l’anno che cambiò tutto

I vari servizi di streaming, com’è noto, propongono perlopiù film e serie televisive e stanno rapidamente cambiando le abitudini di milioni di (ex?) telespettatori, dalla fruizione dei film in sala alla visione dei programmi trasmessi dalla televisione generalista. Spesso le nuove generazioni semplicemente non concepiscono più l’idea di sottostare a orari e luoghi determinati per vedere film, telefilm e ascoltare musica. Il nuovo che avanza? Chissà.

Ma, a esplorare a fondo i cataloghi a volte sterminati di questi servizi – a volte si trascorrono decine e decine di minuti navigando tra titoli e categorie, col risultato paradossale di non vedere poi nulla per aver esaurito il tempo libero a disposizione – si possono scoprire altre tipologie di contenuti. Come ad esempio i documentari musicali.

Uno tra i migliori è a mio avviso 1971, disponibile su AppleTV+: 7 puntate realizzate con cura certosina, contenenti video, immagini, filmati, brani spesso rarissimi. Il tutto accompagnato da una narrazione precisa ma mai noiosa.

La scheda dell’opera:

In un’epoca tumultuosa, segnata da profondi cambiamenti politici e culturali, il 1971 fu un anno di innovazione e rinascita per la musica. Mentre le star già affermate raggiungevano nuove vette, nuovi nomi invasero la scena scardinando i confini del panorama musicale.

Addio a Bill Withers

bill-withers
© Gilles Petard/Redferns/Getty Images

Lo scorso venerdì è scomparso all’età di 81 anni il grande cantante statunitense Bill Withers.

Importantissimo per la musica R&B e Soul, ma non solo, ci ha regalato canzoni meravigliose come Ain’t No Sunshine, Use Me, Just the Two of Us, Lovely Day e Lean on Me, solo per citarne alcune tra le più celebri.

Esordisce nel 1971 con l’album Just as I Am, una pietra miliare della musica moderna. Tra i brani compare tra l’altro la celeberrima Ain’t No Sunshine, struggente nella sua incantevole semplicità.

Addio a Isaac Hayes

Isaac Hayes, uno dei più grandi artisti della scena soul funk americana è scomparso ieri all’età di 65 anni. Lo ricordo, tra l’altro, per l’incantevole Tema di Shaft, del 1971, composto per l’omonimo film.