Applicando di luglio in edicola con la guida “Fotografia digitale”

joshua eustisa and his MacBook
joshua eustis and his MacBook

È in edicola dal 1° luglio, allegata alla rivista Applicando, la guida ‘Fotografia digitale’, un originale vademecum per utilizzare al meglio le fotocamere digitali e sfruttare fino in fondo le potenzialità di iPhoto, applicazione Apple dedicata alla fotografia, attraverso idee divertenti e suggerimenti utili.

Scritto in un linguaggio semplice e colloquiale dagli autori Mauro Baldacci e Andrea De Marco, il volume di 100 pagine a colori si propone come una vera e propria guida al magico mondo della fotografia digitale suddivisa per argomenti e filoni tematici che spaziano dalla scelta della fotocamera ai trucchi per scattare, dalla gestione dell’archivio fotografico alla correzione delle immagini con iPhoto, dalla condivisione degli album su Internet a come stampare o portare con sé le foto, su iPod e iPhone.

Il numero di luglio di Applicando con allegata la guida ‘Fotografia digitale’ è in edicola dal 1° luglio al prezzo di 9 euro (rivista + libro).

Ma Applicando di luglio riserva altre novità. Prende il via una nuova ricca sezione della rivista dedicata all’iPhone, considerato sì oggetto di grande appeal per il mercato consumer, ma soprattutto formidabile opportunità creativa e di business per gli sviluppatori Mac. La sezione ospita notizie, approfondimenti, test di applicazioni, accessori, trucchi, tutorial e giochi.

Vi segnalo inoltre la struggente (leggetela e capirete perché) intervista a un Mac user importante, Joshua Eustis dei Telefon Tel Aviv

Immolate Yourself, non solo il titolo di una canzone

A volte il destino ci riserva terribili sorprese, e il semplice titolo di un brano – Immolate Yourself – può assumere un signicato profetico, sinistro. È il caso della tragica scomparsa di Charles Cooper, dei Telefon Tel Aviv, band USA tra le più interessanti nel panorama della musica elettronica contemporanea.

Per una perversa coincidenza, ero in contatto con il loro PR: avremmo dovuto realizzare a breve un’intervista. Ieri all’ora di pranzo ci scambiamo alcune mail  per prendere accordi sulle modalità di realizzazione della cosa: tutto bene, ci aggiorniamo a presto. A metà pomeriggio ricevo una nuova mail del PR: “Sorry, amico mio, dobbiamo cancellare tutto. C’è stata una tragedia, e Charlie è morto.”

I Telefon Tel Aviv erano attesi a febbraio in Italia per un breve tour promozionale, in occasione del lancio del nuovo, eccellente, disco, Immolate Yourself, appunto.